Ossigeno terapia iperbarica: Come e perché la nuova camera iperbarica a Porto Sant’Elpidio contribuisce a velocizzare la guarigione

 

L'Ossigenoterapia Iperbarica ha avuto il suo esordio negli anni ’80 del secolo scorso e rappresenta forse l’intuizione più efficace della storia della medicina moderna, dove con un meccanismo semplice e veloce viene manipolata e rafforzata la funzione ossidativa dell’ossigeno alla base di tutti i processi metabolici e di produzione energetica del nostro corpo.

E’ l’ossigeno trasportato dal sangue fino nei remoti ambiti fisiologici che innesca le reazioni atte alla produzione di energia essenziale per la vita delle cellule e per il loro funzionamento, secondo la differenzazione acquisita con lo sviluppo e la crescita del corpo.

 

L’Ossigeno come farmaco: le nuove frontiere dell'ossigeno terapia iperbarica

Senza ossigeno quindi non si vive, con più ossigeno si può contribuire a riparare più in fretta e meglio gli eventuali danni procurati da incidenti che limitano o inibiscono la specifica funzione delle cellule e dei tessuti.

Il meccanismo di azione dell’ossigeno-terapia iperbarica, partendo dalle suddette considerazioni, è piuttosto semplice: l’ossigeno trasportato nel nostro circolo ematico dall’emoglobina giunge immediatamente a saturazione con i quattro atomi di O2, che al massimo possono legarsi al gruppo eme dell’emoglobina.

Tramite la respirazione di ossigeno puro in condizioni di aumentata pressione (iperbarismo), l’ossigeno libero disciolto nel plasma aumenta di altre 20 volte la normale concentrazione legata al trasporto dell’emoglobina.

Questa iperfusione sanguigna di ossigeno aumenta tutte le capacità metaboliche dell’organismo favorendo in special modo tutti i meccanismi di riparazione e protezione che il nostro corpo aziona autonomamente in presenza di anomalie, aggressioni esterne e lesioni . Questa accelerazione è solo una modifica assolutamente benigna di meccanismi naturali senza interferire nel processo di biosintesi molecolare come avviene con il farmaco.

 

Ossigeno terapia iperbarica: Principali campi d’azione

Se vogliamo elencare i principali campi di azione dove ci si aspetta un concreto e veloce contributo della terapia iperbarica, possiamo stilare un elenco tenendo presente che comunque il beneficio è globale:

  • Fornisce maggior O2 ai tessuti ischemici

  • Ha azione antibatterica e batteriostatica

  • Ha azione antiedema (cerebrale, midollare, tissutale)

  • Ha azione antiinfiammatoria

  • Facilita la proliferazione vascolare, capillare e la rivascolarizzazione di aree ischemiche

  • Accelera la demarcazione tra tessuto certamente necrotico e quello ischemico recuperabile

  • Favorisce la produzione di collagene

  • Attiva l’osteogenesi e la deposizione di calcio

  • Modifica il bilancio prostaglandine.

 

Se vogliamo indicare patologie specifiche dove si è riscontrato un particolare vantaggio:

L’elenco completo delle Patologie

 

Camera Iperbarica: le Controindicazioni

Le controindicazioni sono molto limitate e riguardano soprattutto le condizioni del polmone, dove l’azione pressoria per l’assunzione di maggior ossigeno viene esercitata.

Le condizioni patologiche o non idonee sono:

  • Pneumotorace, enfisema bolloso

  • Fibrosi polmonare o altri danni ai polmoni dovuti all’assunzione di bleomicina, farmaco antitumorale.

  • Claustrofobia

Le istruzioni generali per entrare nella camera iperbarica, l’abbigliamento più idoneo, la posizione da conservare durante il trattamento fanno parte del compito di informazione ed assistenza del personale specializzato costantemente presente durante tutto il trattamento.

 

 

Ti potrebbe interessare anche: